LE PAGELLE – 13° Rally di Caltanissetta
By Peppe Natoli On 29 Giu, 2015 At 02:18 PM | Categorized As Speciali | With 0 Comments

MirabileContinuiamo a dare i numeri…voti, giudizi, insomma, numeri che cercheranno di rappresentare un nostro giudizio alle gare che fanno parte del Campionato Siciliano Rally.
Continuiamo quindi con la quinta gara della stagione 2015, il 13° Rally di Caltanissetta, andato in scena il 27 e 28 giugno nell’omonima provincia.
Come fatto nei precedenti appuntamenti del campionato, non ci sarà un voto unico ma diversi voti relativi ai principali aspetti di una gara.
Ribadisco ancora una volta che non ci vogliamo di certo sostituire agli osservatori della Federazione, che hanno altri parametri per valutare una gara, ma cercheremo ancora una volta, attraverso il nostro parere, di segnalare pregi e difetti ai rispettivi organizzatori.
A Caltanissetta cinquantaquattro equipaggi si sono iscritti ma in quarantotto hanno regolarmente superato le operazioni di verifiche tecnico-sportive. La gara nissena, valida anche come quarto appuntamento del Trofeo Nazionale Rally di sesta zona, è partita sabato sera con l’inedita prova spettacolo ricavata tra le strade cittadine.
Come ormai sanno bene i piloti, con la prova spettacolo non si vince il rally…ma lo si può perdere!
Lo ha ricordato a proprie spese Giuseppe Nucita, presente in gara con le note di Gaetano Caputo e la stessa Renault Clio Super 1600 che un paio di settimane fa gli ha fatto vincere il 4° Rally Event.
Il santateresino è partito con il coltello fra i denti ma un piccolo errore gli ha fatto pagare secondi preziosi, indispensabili il giorno seguente per agguantare la seconda vittoria stagionale.
Nucita ha provato in ogni maniera ad acciuffare la vetta della classifica, vincendo tre delle dieci prove speciali in programma, ma per soli otto decimi di secondo si è dovuto accontentare della piazza d’onore.

“Che gara! – ha esclamato Giuseppe Nucita – ci ho messo anima e cuore, ho dato il cento per cento ad ogni metro, anche quando sembrava di andar piano. Gara impegnativa, dura, selettiva e scivolosa da morire ma lo sapevamo, in fondo era stata scelta per misurarsi lontano da casa. Gli avversari forti, tosti, e per questo ogni volta ti spingono a fare quel qualcosa in più”

Più attenti e soprattutto avvantaggiati da due ruote motrici in più, Maurizio Mirabile e Rino Calderone hanno guidato con coscienza la loro Skoda Fabia Super 2000, vincendo una gara combattuta dal primo all’ultimo metro.
Il podio è stato infine completato dai locali Roberto Lombardo e Alessio Spiteri, della partita con la loro inseparabile Renault Clio Williams di Gruppo A.
La prestazione dei padroni di casa è stata convincente e soltanto una foratura nella seconda speciale ha fatto svanire i sogni di vittoria.
Non pochi sono stati invece i concorrenti costretti al ritiro. Tra questi Fofò Di Benedetto e Giovanni Barbaro, dopo aver vinto la speciale spettacolo di sabato sera, ritirati all’uscita del parco chiuso notturno per motivi non del tutto chiari.
Stessa sorte hanno dovuto subire Eros Doria e Viviana Martorana, mentre occupavano la posizione di testa costretti all’abbandono a causa dei problemi al motore della loro Peugeot 207 Super 2000.
Pierluigi Trupiano e Donato Turra hanno concluso, a bordo di una Renault Clio di Gruppo R, al quarto posto dopo una gara d’attacco contro i quinti al traguardo, Filippo Vara e Gianfranco Rappa, su auto gemella attardati da noie al collettore di scarico.
Per Vara si conclude così un lunghissimo periodo di sfortuna, che lo ha portato lontano dai traguardi per ben due anni.
All’arrivo di Piazza Garibaldi alla fine sono stati solo trentuno gli equipaggi all’arrivo, a dimostrazione del fatto che il caldo e le strade insidiose (alcuni punti persino in sterrato) hanno fatto la differenza.
Dopo il quarto round del T.R.N. di 6° zona, nella classifica assoluta passa al comando Giuseppe Nucita con 18 punti, seguito da Pierluigi Trupiano 14 e Carmelo Molica 10.

Classifica Generale 13° Rally di Caltanissetta:
1) Mirabile-Calderone Skoda Fabia Super 2000 in 46’03”,7
2) Nucita-Caputo Renault Clio Super 1600 a 8 decimi
3) ) Lombardo-Spiteri Renault Clio Williams Gruppo A a 3”,2
4) Trupiano-Turra Renault Clio Gruppo R a 25”,3
5) Vara-Rappa Renault Clio Gruppo R a 50”,0
6) Nicoletti-Lo Verme Citroen Saxo Grupp o A a 1’05”,8
7) Lanzalaco-Marchica Renault Clio Light Gruppo N a 1’40”,9
8) Di Caro-Castelli Peugeot 106 Rally Gruppo A a 1’47”,2
9) Burrogano-Burrogano Renault Clio Williams Gruppo N a 3’36”,0
10) Alibrando-Aprile Peugeot 106 Rally Gruppo N a 3’47”,2

Peppe Natoli

 

Sito Internet e Social

Number-6-icon

Luogo Direzione Gara

Number-7-icon

Luogo Verifiche Tecniche

Number-7-icon

Cerimonia di Partenza

Number-6-icon

Allestimento Prove Speciali

Number-8-icon

Aspetto tecnico Prove Speciali

Number-7-icon

Pubblico

Number-6-icon

Parco Assistenza

Number-9-icon

Cerimonia di Arrivo e         Parco Chiuso

Number-5-icon

EQUIPAGGIO SICILIARALLY: 

Carmelo Lanzalaco – Antonio Marchica

comment closed